UN’ETERNA GHIRLANDA BRILLANTE (“Godel, Escher, Bach” di Douglas R. Hofstadter)

Questo è un libro strepitoso. Una costruzione architettonicamente complessa ma affascinante. Consigliato. Ne parleremo! 😉

GIAN LUIGI AGO

tumblr_mb7nx2CnGp1qic6uj

Questo libro di Douglas R. Hofstadter è un testo per certi versi difficile ma per altri affascinante ed avvincente, che unisce mirabilmente logica, fantasia, arte, fisica, matematica, semiotica, psicologia, intelligenza artificiale e molto altro ancora.

Credo che la fortuna di questo libro risieda in un insieme di concause.
E’ senz’altro un libro molto complicato e altamente specialistico ma si presta a diversi livelli di lettura, rendendolo, se non del tutto comprensibile, abbastanza fruibile, soprattutto a livello di Logica, anche a non specialisti.

Spazia (ma in maniera logica e non confusionaria e casuale) tra una totalità di argomenti.

Si pone la domanda se i pensieri e le parole seguano o meno delle regole formali, parla (soprattutto) di mente, cervello e intelligenza artificiale.

E’ strutturato in un contrappunto di Dialoghi e Capitoli ,ed è a tratti divertente nei dialoghi tra Achille e la tartaruga e nei paradossi di Zenone di Elea, ci…

View original post 376 more words

Advertisements
Standard

Oggi nasce panzarei. Wow, direte. No, nessun wow! Non importa.

“Panzarei”, che diamine è?! Nulla di troppo enigmatico, semplicemente un ironica storpiatura del motto eracliteo “panta rei” (tutto scorre). Per chi non sapesse che cavolo stia dicendo, non c’è da preoccuparsi, ne riparleremo presto. Il titolo è in un certo senso programmatico: panzarei vuole parlare di cose serie, senza prenderle troppo sul serio, senza dimenticare quel pizzico di scherzosità che fa sempre bene.

“Panzarei” parlerà di tutto: attualità, politica, sport, filosofia, etica, crescita personale, religione, chi più ne ha più ne metta.

“Panzarei”, semplicemente, vuole essere quel fiume di libertà in cui scorrano le parole, una dopo l’altra. E come un fiume scava la pietra, panzarei vuole andare in profondità, oltre le apparenze, parola dopo la parola per trovare qualcosa da offrire e lasciare il segno, dove e per chi, chissà.

Aside